Camminare: filosofia e psicoterapia

Perché Camminare?

Come dice Demetrio: “camminare è sentire, scoprire, tornare al piacere del corpo in movimento”, un tempo importante in una vita che è solita chiedere delle performance.

Passeggiando i nostri sensi percepiscono l’aria, il cambiare delle stagioni, percepiamo i nostri piedi in contatto con il suolo, la sabbia, l’erba.

Una Camminata, come un’ora ritagliata nella frenesia della nostra vita, magari all’alba o a tarda sera, anche nei luoghi soliti o quotidiani, può piacevolmente invitarci ad una relazione tra pensiero, mondo interiore e benessere fisico.

Quali evidenze?

Numerosi studi dimostrano che una Camminata di almeno 30 minuti, con andatura decisa, contribuisce al nostro benessere fisico, facilita il rilascio di endorfina e serotonina che combattono il cortisolo, l’ormone dello stress. Quindi un benessere fisico e mentale.

Il Camminare come metafora della vita.

La figura di chi è in cammino in molta bibliografia evoca il perseguimento di una meta, l’assolvimento di una missione.

Quindi da un parte la definizione dell’obiettivo dall’altra come rintracciabile nella filosofia esistenzialista dello spagnolo Miguel de Unamuno nel suo aforisma “la strada la scopri mentre sei in cammino”, il camminare come la possibi

evento 5 maggio 2017 Cammina Menti Lucca
evento 5 maggio 2017 Cammina Menti

lità di costruire nuovi percorsi, affrontare nuovi sentieri, trovare nuove soluzioni o cambiare meta.

Entrambe modalità importanti che definiscono il viaggio della vita che parte da basi più o meno solide, percorrendo sentieri conosciuti e poi può dover affrontare imprevisti, nuove opportunità o costruire nuove strade, magari per tornare a percepire i sentieri iniziali in modo nuovo.

Cammini che possono trovare blocchi o difficoltà, un’immobilità che porta fin anche alla patologia. E’ qui che si inserisce la psicoterapia come relazione per far ripartire il movimento, fine e mezzo dell’evoluzione umana e dell’equilibrio psichico.

Un affascinante percorso, fianco a fianco di due viandanti nei sentieri della vita. Uno impaziente e impaurito, bloccato, che vorrebbe a volte correre, a volte deviare. L’altro, esperto che conosce le insidie della strada e lo sa condurre nell’esplorazione dei suoi sentieri segreti.

Quindi come nella camminata, nella psicoterapia si pone l’attenzione sull’importanza di vivere intensamente ogni momento. Per poter essere pronti ad affrontare gli imprevisti, a costruire i propri sentieri, definendo il viaggio camminando e godendoselo, senza dimenticare di accompagnarci con l’ironia. il buonumore e l’amore.

Un proverbio cinese dice che il segreto per vivere a lungo è: mangiare la metà, camminare il doppio, ridere il  triplo e amare senza misura. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *